Pilz - Il vostro partner per la formazione sulla sicurezza delle macchine

I Seminari Pilz sono rivolti ai costruttori e utilizzatori di macchine e impianti e trattano argomenti come la Direttiva Macchine e norme relative alla tecnica della sicurezza con l'aiuto di esempi pratici.
Pilz offre inoltre Corsi di Formazione personalizzati sulla Sicurezza delle Macchine, perfettamente adattabili alle Vostre esigenze e ai requisiti normativi.

Sicurezza delle macchine: Fondamenti legislativi

Per quanto concerne la sicurezza delle macchine, utilizzatori e produttori devono rispettare diverse norme tecniche e legislazioni. Ad esempio, gli utilizzatori di impianti devono rispettare le norme per la sicurezza e la salute sul lavoro (D.Lgs 81/2008 testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro), OSHA (USA) e Brazil NR 12 (Brasile). Per i costruttori di Macchine, la situazione è diversa infatti devono rispettare la Direttiva Macchine 2006/42/CE, le altre Direttive di prodotto applicabili e le norme tecniche relative.

HRC: Human-Robot Collaboration (NEW 2017)

Interazione tra uomo e robot: il futuro in sicurezza.
Con la possibile integrazione, sulle linee di produzione, dei robot collaborativi, definiti anche cobot, si apre una nuova era industriale. I cobot consentono alle persone e ai robot stessi di condividere contemporaneamente lo stesso spazio di lavoro. In questo modo, è possibile combinare le capacità delle persone con le caratteristiche dei robot quali forza, resistenza e velocità.
Questo tipo di collaborazione richiede sempre più nuove tecnologie e soluzioni.

Validazione del Software: V-Model semplificato + Workshop (NEW 2017)

Il software che gestisce la sicurezza della macchina, è corretto? Come faccio a svilupparlo e a controllarlo?
Tutte le attività del ciclo di vita del software devono essere considerare per evitare le avarie introdotte dal software stesso e ovviamente dai dispositivi ad esso correlato.
L’obiettivo sarà quindi conoscere le richieste specifiche della EN ISO 13849-1 la quale specifica quali requisiti di sicurezza devono essere applicati.

Robotic Safety - Dalla quasi macchina al collaborativo (NEW 2017)

I robot forniscono soluzioni eccellenti in campo industriale: le norme dedicate ci guidano verso le soluzioni migliori per non esporci ai rischi.
Il seminario prende in esame come i rischi associati all’utilizzo di sistemi robotizzati dovrebbero essere valutati e come raggiungere un elevato livello di sicurezza, sia in termini di disponibilità che di produttività.
Le nuove norme tecniche prendono in considerazione le differenti fasi di utilizzo di un sistema robotizzato completo, permettendo una gestione attenta dei pericoli a cui vengono esposte tutte le persone che vi interagiscono.

Direttiva Macchine 2006/42/CE

L’obiettivo della formazione è quello di consentire ai partecipanti di sviluppare una maggiore comprensione del contenuto della Direttiva Macchine 2006/42/CE e delle norme correlate che forniscono uno strumento di ausilio nella progettazione, nella costruzione, e nella manutenzione dei macchinari immessi sul mercato all’interno dello Spazio Economico Europeo (SEE).
La formazione fornirà una panoramica su come i costruttori di macchine e gli utilizzatori sono influenzati dai cambiamenti introdotti, descriverà le procedure da seguire al fine di raggiungere la conformità alle disposizioni di detta Direttiva ed introdurrà gli aspetti salienti delle nuove norme tecniche.

Functional Safety - Manutenzione e retrofit

Il tema della manutenzione ordinaria e straordinaria spesso sfocia in veri e propri “retrofit” delle macchine e delle attrezzature in uso presso le nostre aziende. Sicuramente viene riconosciuto come uno degli elementi chiave per mantenere e migliorare il valore e la competitività, ancor più a fronte della attuale situazione economica.
Quali sono però le problematiche concrete che ne emergono?
La crescente complessità dei dispositivi di sicurezza, delle norme tecniche da applicare, la continua spinta verso una maggiore produttività, qualità e flessibilità delle macchine e delle linee, la rilevanza socio-economica della sicurezza del personale e delle attrezzature richiedono un livello di competenze, di base, più elevato rispetto al recente passato. Coloro che gestiscono i processi manutentivi e coloro che li realizzano devono essere in grado di riconoscere le principali criticità al fine di guidarli ed eseguirli nel modo più efficace possibile.

Regolamentazione applicabile alle macchine e attrezzature in uso

La gestione del parco macchine in uso presso le aziende, la compravendita e le modifiche delle stesse, determinano la presa in carico di responsabilità che vanno dalla applicazione della legislazione sull’utilizzo delle macchine e delle attrezzature di lavoro (Direttiva 2009/104/CE, D. Lgs. 81/2008 e successive modifiche nel D.Lgs. 106/09) alla applicazione della Direttiva Macchine 2006/42/CE (D.Lgs. 17/2010). Lo scopo del corso è quello di fornire una panoramica dei riferimenti legislativi applicabili, inquadrare i riferimenti normativi utilizzabili in relazione con lo stato dell’arte e chiarire gli obblighi derivanti da un utilizzo, un acquisto o una vendita di una macchina in uso (dichiarazioni, documentazione, ecc.).

Valutazione dei Rischi e Workshop (NEW 2017)

Realizzare in autonomia la Valutazione dei Rischi di un caso proposto.
La legislazione italiana pone come obbligatoria la Valutazione dei rischi sia per le macchine in uso, si veda il D.Lgs. 81/2008, sia per le macchine nuove, si veda il D.Lgs. 17/2010. Valutazione dei rischi come processo alla base di ogni riduzione del rischio per tutte le tipologie di utilizzatori. Una corretta gestione delle responsabilità civili e penali non deve prescindere da una valutazione dei rischi attenta e precisa al fine di dimostrare l’adempimento di tutti gli obblighi legislativi. Nel corso della formazione saranno presentati gli aspetti della norma EN 12100 (2010) – principi per la valutazione del rischio – volti a chiarire i concetti di analisi e di valutazione del rischio. Inoltre saranno trattate le principali metodologie di valutazione previste dal TR (Technical Report) 14122-2.

Functional Safety nuova EN ISO 13849-1, EN/IEC 62061

Dare evidenza alle novità introdotte nelle EN ISO 13849-1 del 2015: dalla individuazione del PL da raggiungere con i nuovi parametri, alle sostanziali modifiche della categoria 2, alle modifiche della categoria 4, i nuovi parametri per i componenti, l’incorporazione dei sottosistemi , “proven in use”, ecc.
L’evoluzione tecnologica, in materia dei componenti utilizzati nelle macchine per la realizzazione delle funzioni di sicurezza, ha portato all’utilizzo di sistemi non solo elettromeccanici, ma anche elettronici ed elettronici programmabili. Ciò ha condotto a una revisione dell’ambito normativo specifico, coinvolgendo la norma generale sugli equipaggiamenti elettrici di macchine EN 60204-1 ma, soprattutto, determinando la sostituzione della norma EN 954-1 “Parti dei sistemi di comando relativi alla sicurezza” con l’attuale EN ISO 13849-1 e il conseguente utilizzo dei nuovi parametri PL (Performance Level).

Calcolo PL e SIL utilizzando lo strumento di calcolo PAScal

Il Tool PAScal (Pilz Safety Calculator) permette il calcolo e la verifica dei parametri chiave relativi alle funzioni di sicurezza sulle macchine o impianti, quali Performance Level (PL) e Safety Integrity Level (SIL), sulla base di rappresentazioni grafiche delle strutture dei circuiti. Il risultato viene confrontato con i parametri di sicurezza richiesti (PLr), individuati in fase di analisi dei rischi e illustrati sia in forma grafica, che in forma numerica, per una comprensione intuitiva. Questo strumento Pilz rende molto più facile procedere sistematicamente in conformità alle norme, senza la necessità di doverne comprendere le formule matematiche di base. Lo scopo del corso è quello di illustrare i parametri necessari e le metodologie di calcolo per la definizione dei livelli di sicurezza raggiunti da un circuito (PL, SIL).

Manuale di istruzione per macchine in uso e nuove: Cartaceo e/o Digitale (NEW 2017)

I manuali non sono solo obblighi di legge, ma importanti strumenti al servizio della sicurezza. Oggi anche in versione digitale.
Il corso fornisce una linea guida completa per la stesura dei Manuali di Istruzione, sia per le macchine nuove sia per le macchine in uso e soprattutto dedica una sezione a tutte le importanti novità normative che riguardano la documentazione tecnica digitale.

LoTo: Lock Out Tag out + Workshop (NEW 2017)

La manutenzione può esporre gli operatori ai rischi legati alla presenza di energie residue: impariamo a gestirle.
L’obiettivo del corso è fornire ai partecipanti una spiegazione dettagliata dei requisiti e delle applicazioni delle procedure di “Lock Out Tag Out”, in particolare quelle legate alla sicurezza sulle macchine, in modo che in ogni realtà lavorativa possano essere facilmente implementati. Vi saranno quindi spiegazioni relative ai requisiti di legge ed esempi pratici.

Equipaggiamento elettrico delle macchine (EN 60204-1)

Introdurre la norma EN 60204-1 per comprendere le specifiche prescrizioni e l’applicazione di equipaggiamenti elettrici, elettronici ed elettronici programmabili e di sistemi per garantire la sicurezza elettrica nelle applicazioni industriali.
La sicurezza che viene raggiunta riguarda sia le persone sia i beni nelle differenti fasi di vita dell’impianto. Il campo di applicazione della norma riguarda equipaggiamenti elettrici o a parti di equipaggiamenti elettrici alimentati con tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata o 1500 V in corrente continua e con frequenze nominali non superiori a 200 Hz.

Gestione dei rischi nella compravendita di macchine ed impianti (NEW 2017)

II primo contatto con il futuro cliente/fornitore è quasi sempre di tipo commerciale. Le scelte effettuate in questa fase, spesso sottovalutano le loro conseguenze sui reali livelli di sicurezza e conformità alle leggi delle macchine. Esse determinano una catena di scelte che divengono progettuali e realizzative.
Gestire tale processo è complesso e richiede conoscenze interdisciplinari per porre l’attenzione su aspetti finanziari, tecnici, produttivi e manutentivi, ma è anche il miglior momento per specificare le richieste, chiarire le aspettative e stabilire come avverranno le verifiche.
Tutto ciò che è stabilito e scritto in un contratto serve per chiarire ogni possibile contrasto. Spesso non si valutano i costi dovuti a riunioni straordinarie, ritardi nella produzione, penali, finanziamenti che devono essere onorati, realizzazione tardiva delle documentazioni obbligatorie e traduzioni dei documenti.

Nuove norme su: PL, Emergenze, Interblocchi e Ripari (NEW 2017)

Lo stato dell’arte è in continua evoluzione. Di conseguenza, le norme tecniche, vengono aggiornate per continuare ad esserne lo specchio fedele.
Per chiunque costruisce, modifica, vende, progetta macchine è fondamentale sapere che sono cambiate alcune delle norme più utilizzate:

  • Sistemi di comando legati alla sicurezza (EN 13849-1)
  • Funzione di arresto di emergenza (EN 13850)
  • Dispositivi di interblocco sui ripari (EN 14119)
  • Progettazione e la costruzione di ripari (EN 14120)
Vi è il rischio concreto di immettere sul mercato macchine non più conformi … senza saperlo.
La Direttiva Macchine 2006/42/CE prescrive i requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute obbligatori, mentre le specifiche tecniche dettagliate per rispettare questi requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute sono fornite dalle norme armonizzate europee. Per gestire al meglio le nostre responsabilità, la Direttiva Macchine 2006/42/CE ci permette di usufruire della “presunzione di conformità”. Come si ottiene? Applicando le specifiche di una norma armonizzata, come quelle prese in esame durante il seminario, attribuisce una presunzione di conformità ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute oggetto della norma.
Se non conosci le novità come potrai applicarle?

Verifiche Elettriche: Dalla teoria alla pratica (NEW 2017)

Il rischio elettrico è sempre presente: l’unico modo per prevenirlo è verificare la macchina e risolvere i problemi prima che questi si possano verifichino.
Il seminario vuole introdurre alcuni aspetti tecnici e alcune prescrizioni normative utili a garantire la “sicurezza elettrica” nelle applicazioni industriali.